Abruzzo

A cavallo in Abruzzo

Basilicata

Campania

Calabria

Emilia

Emilia

Friuli

Lazio

Lazio

Liguria

Lombardia

Marche

Marche

Molise

Molise

Piemonte

Puglia

Sardegna

Sardegna

Sicilia

Sicilia

Toscana

Trentino

Umbria

Val D’Aosta

Veneto

+39.0287177370

Lunedì - Venerdì 10.00 - 18.00 Sab-Dom CLOSED - Per i clienti iscritti

Top
A cavallo nel nel Salento – Turismo a cavallo
fade
7933
bp-nouveau,post-template-default,single,single-post,postid-7933,single-format-standard,theme-voyagewp,mkd-core-1.2.1,mkdf-social-login-1.3,mkdf-tours-1.4.1,woocommerce-no-js,voyage-ver-1.10,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-breadcrumbs-area-enabled,mkdf-header-standard,mkdf-sticky-header-on-scroll-up,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-dropdown-slide-from-top,mkdf-fullscreen-search,mkdf-search-fade,mkdf-side-area-uncovered-from-content,mkdf-medium-title-text,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive,no-js

A cavallo nel nel Salento

Due giorni per scoprire a cavallo un pezzo di storia del Salento, vivendo l’esperienza di andare a cavallo sulla spiaggia, tra ulivi secolari, ruderi che testimoniano una grande operosità passata  e la degustazione dei prodotti tipici di una masseria.

Appena fuori dall’abitato di Lecce, dalla periferia est della città, parte un’antica strada, un tempo unico collegamento tra zone rurali e il mare, che immetteva nella celebre “via del carro”, che correva parallela alla costa e collegava Brindisi a Otranto. In questo contesto si svolge il nostro weekend a cavallo nel Salento, ricco di interesse storico, naturalistico ed eno-gastronomico. Il percorso fa sosta in “oasi di pace” dove è possibile degustare i sapori salentini.

A cavallo nel Salento con degustazione dei prodotti di masseria

Si parte dalla Masseria, dopo aver fatto colazione con i prodotti locali:  miele, yogurt, frutta secca, pane e “pizzi”, formaggi e un buon caffè. Si attraversa un vero e proprio “museo diffuso”, ricco di testimonianze della vita campestre, quali masserie fortificate, cripte, neviere, sentieri di campagna, torri colombaie, pozzi, “silos” (fosse granarie), pietre di confine risalenti al ‘700  inglobate nei muri a secco che delimitano i tratturi. Questi in alcuni tratti coincidono con le centuriazioni romane (divisioni agrarie di età romana). Lungo il percorso è frequente incontrare greggi ma anche animali selvatici tra cui volpi, ricci, ramarri e, in inverno la meravigliosa Aquila minore, un rapace maestoso che dall’Europa del nord viene qui a svernare.

Tutto il percorso è avvolto da una densa e varia vegetazione spontanea che va dalla macchia mediterranea a quella dei pascoli: alberi di pero selvatico, olivastro, cespugli di more. Anche i coltivi sono intrisi di naturalità, infatti tra gli  ulivi, i fichi, i carrubi crescono maestosi corbezzoli e mirti. Splendide leccete sono la testimonianza di boschi che ricoprivano il territorio senza soluzione di continuità.

Scopri l’esperienza:

A cavallo nel Salento con degustazione dei prodotti di masseria