+39 02 871 773 70   SOLO per clienti ISCRITTI
Lunedì-Venerdì 10:00 - 18:00 | NO Sabato-Domenica

Top
Transumanza non convenzionale al parco dei castelli romani – Turismo a cavallo
fade
20046
tour-item-template-default,single,single-tour-item,postid-20046,theme-voyagewp,mkd-core-1.2.1,mkdf-social-login-1.3,mkdf-tours-1.4.1,woocommerce-no-js,voyage-ver-1.10,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-breadcrumbs-area-enabled,mkdf-header-standard,mkdf-sticky-header-on-scroll-up,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-dropdown-slide-from-top,mkdf-fullscreen-search,mkdf-search-fade,mkdf-side-area-uncovered-from-content,mkdf-medium-title-text,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
Turismo a cavallo / Transumanza non convenzionale al parco dei castelli romani

Transumanza non convenzionale al parco dei castelli romani

A persona

È possibile vivere delle esperienze a cavallo del Parco Regionale dei Castelli Romani, con un approccio non convenzionale che cerca di restituire all’animale la propria individualità rendendolo soggetto attivo nella relazione con l’essere umano.

La transumanza che proponiamo è un rito che si ripete ormai da alcuni anni.
Non è solamente una pratica equestre ma un movimento simbolico di riappropriazione e valorizzazione di territori e tradizioni.

La nostra transumanza, così come quella tradizionale, parte da un’esigenza pratica: spostare il nostro branco di cavalli dalla sede di Roma a quella di Velletri e viceversa, per i campi estivi.
L’occasione ci ha portato a trasformare questa esigenza in un viaggio di quattro giorni in cui decine di uomini, donne e bambini accompagnano i cavalli attraverso il Parco dell’Appia Antica e quello dei Castelli Romani.

Un’esperienza intensa, a contatto con la natura, dove il lavoro di squadra nella gestione del branco è di fondamentale importanza.
La transumanza vuole muovere persone e cavalli, trasformando per qualche giorno la nostra cultura in una cultura nomade; vuole tutelare l’ambiente, scegliendo una modalità “eco” di stare in viaggio; vuole promuovere i territori che attraversa, dimostrando che è possibile fare turismo “slow” assaporando lentamente tutti i paesaggi che si incontrano; vuole praticare una diversa esperienze equestre, fatta di cavalli, cavalle, donne, uomini e bambini che non si pongono obiettivi sportivi, ma
traggono senso dall’esperienza in sé e dalla relazione reciproca.

Durante il viaggio si lavora sul “sapere”, sul “saper essere” e sul “saper fare” come abilità da condividere con il gruppo e non più patrimonio di un singolo.

1

Località: