Abruzzo

A cavallo in Abruzzo

Basilicata

Campania

Calabria

Emilia

Emilia

Friuli

Lazio

Lazio

Liguria

Lombardia

Marche

Marche

Molise

Molise

Piemonte

Puglia

Sardegna

Sardegna

Sicilia

Sicilia

Toscana

Trentino

Umbria

Val D’Aosta

Veneto

Top
Trekking e viaggio a cavallo – Turismo a cavallo
fade
13766
bp-nouveau,page-template,page-template-full-width,page-template-full-width-php,page,page-id-13766,theme-voyagewp,mkd-core-1.2.1,mkdf-social-login-1.3,mkdf-tours-1.4.1,woocommerce-no-js,voyage-ver-1.10,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-header-standard,mkdf-sticky-header-on-scroll-up,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-dropdown-slide-from-top,mkdf-fullscreen-search,mkdf-search-fade,mkdf-side-area-uncovered-from-content,mkdf-medium-title-text,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive,no-js

Trova la tua
Destinazione

A differenza dalla passeggiata a cavallo il trekking e viaggio a cavallo è rivolto a chi possiede già un minimo di esperienza nell’equitazione di campagna ed è già allenato a stare qualche ora in sella.

Da sempre il cavallo accompagna l’uomo nelle sue attività più diverse. Per secoli è stato una macchina da guerra per combattere infinite battaglie, pagando con la vita la sottomissione all’uomo. E’ stato d’aiuto nel lavoro dei campi, insostituibile nelle transumanze e nel lavoro con il bestiame ed è  stato, fino all’avvento del treno a vapore, considerato  l’unico mezzo di trasporto valido per coprire lunghe distanze.

Oggi, più semplicemente, se ne fa un uso ludico-sportivo. Tante sono le  attività sportive e ricreative che utilizzano il cavallo.

Ebbene, nel trekking e viaggio a cavallo, esso diventa il nostro indispensabile  e fidato  compagno di viaggio. Ci permette di sentire i profumi della natura arrivando, a volte, in luoghi altrimenti inaccessibili. Attraversa guadi e si arrampica sulle montagne per portarci a godere di panorami inimmaginabili obbedendo docilmente ai nostri comandi. Spesso è lui, con la sua esperienza, a superare alcune delle tante difficoltà del viaggio, dovute alle asperità del terreno.
Vivendo fianco a fianco per giorni col proprio cavallo si crea un’intesa inaspettata e gratificante che rende difficile il distacco a fine viaggio.

Che cosa è un trekking a cavallo e un viaggio a cavallo

Anche se i termini trekking a cavallo e viaggio a cavallo sono usati spesso come sinonimi, in realtà una piccola differenza c’è.

Il trekking a cavallo indica un turismo avventuroso, organizzato soprattutto in collina o montagna, che si sposta su sentieri o mulattiere non servite da altre vie di comunicazione e senza l’uso di mezzi meccanici.

Il viaggio a cavallo, sicuramente impegnativo, permette di effettuare ampi spostamenti e di attraversare luoghi o territori diversi  iniziando  da un punto di partenza A per raggiungere, a fine viaggio, un punto B prescelto. In genere il viaggio, per la sua complessità,  è organizzato anche con l’ausilio di mezzi meccanici di appoggio.

Tipologie di trekking e viaggio a cavallo

A seconda della durata, del livello di difficoltà e della complessità del viaggio esistono diverse tipologie di trekking o viaggio a cavallo alle quali  si può partecipare con cavalli di proprietà oppure con cavalli messi a disposizione dal centro equestre organizzatore:

  1. il trekking di un giorno, o di alcune ore, è quello alla fine del quale si ritorna al punto di partenza. Il grado di difficoltà può variare in base alla configurazione del terreno da percorrere e all’esperienza dei partecipanti.
  2. I trekking o viaggi di 2 o più giorni.

Questi ultimi trekking a cavallo si distinguono in

  • itineranti:  nei quali si procede  tappa per tappa lungo un percorso prestabilito,  cambiando ogni giorno i punti sosta e quelli di arrivo. Di solito questi viaggi sono organizzati a tema (mistico, storico, artistico ecc.) e portano a visitare Abbazie, eremi, monumenti, scavi archeologici e luoghi di interesse storico. Si percorrono diversi chilometri al giorno per cui è un’attività molto impegnativa sia per il cavallo che per il cavaliere. Ad ogni fine tappa vi è la necessità di provvedere alla sistemazione e alla cura del cavallo, controllando che sia in grado di proseguire il viaggio senza risentimenti. Non a caso nei viaggi più lunghi capita che, a far parte del gruppo, vi siano anche un veterinario ed un maniscalco.
    • Chi propone queste esperienze offre la possibilità di pernottare in strutture ricettive con tutti i confort , ma volendo c’è anche la possibilità di vivere un’esperienza più avventurosa dormendo in tenda o in accampamenti; magari portando con sé un cavallo o un mulo da soma.La maggior parte dei centri equestri che offrono questi viaggi sono in genere esperti del territorio che hanno una buona competenza e un programma assai consolidato. E se poi si cerca l’avventura a cavallo, sono in molti ad offrire esperienze ancora più “country” come le transumanze con il  bestiame o l’ingresso in aree naturali protette, accompagnati da guide autorizzate, sempre nel pieno rispetto dell’ambiente e del territorio che li ospita.
    • a margherita: dove si prevede che il punto di partenza e quello di rientro sia sempre lo stesso. Ogni giorno si effettua un’uscita seguendo un percorso  ad anello, esplorando il territorio circostante, visitando borghi, cantine o luoghi d’arte per tornare al punto base. Questa attività è consigliata  a chi non sopporta una lunga permanenza in sella e desidera una vacanza rilassante. Con questa formula  si ha la possibilità di modulare l’attività a seconda delle proprie capacità e della propria resistenza fisica. La maggior parte dei maneggi ha una serie di tracciati intorno alla loro struttura che permettono l’organizzazione di viaggi a margherita in tutta sicurezza.

    Un’esperienza immancabile per chi ama il turismo a cavallo

    Come detto finora si può scegliere il tipo di trekking o viaggio più adatto alle proprie esigenze e capacità, ma qualunque sia la scelta effettuata sarà un’esperienza indimenticabile. A renderla tale sarà sicuramente la buona organizzazione del centro equestre, la bellezza della natura e dei luoghi visitati, ma soprattutto la presenza insostituibile del vostro cavallo.

Ogni giorno, man mano che le “resistenze” dell’uno e dell’altro diminuiscono si comincia ad apprezzare questo compagno molto sensibile e intelligente. Per sua natura è un animale estremamente sociale e molto recettivo, per cui apprezza il contatto fisico, le carezze e una bella spazzolata a fine giornata. In cambio, osservando come si trovi perfettamente a suo agio in mezzo alla natura e con quanta  tranquillità  effettua le uscite,  vi accorgerete che vi trasmette un senso di sicurezza e piacere inaspettati.. Si potrà creare così una buona sintonia che darà un plusvalore alla vostra avventura. In sostanza si diventa una coppia, o come si dice nel mondo equestre un “binomio” dove prendersi cura l’uno dell’altro diventa del tutto naturale.

È nel trekking e viaggio a cavallo che si può scoprire fino in fondo quanto la relazione tra uomo e cavallo può essere forte, vera e…naturale.

I maneggi che propongono trekking e viaggio a cavallo

Trova la tua destinazione

Scopri il mondo